Amaseno on Line

Feste e Tradizioni
English Version Scegli la lingua preferita

 

er una più completa conoscenza di questa terra e della sua gente, chiudiamo il capitolo con alcune brevi note foleloristiche, relative alle usanze, tradizioni e credenze locali, più caratteristiche e rilevanti. «Amaseno ha qualcosa di caratteristico, che lo distingue dagli altri paesi del Lazio e i visitatori ne serbano grata memoria non solo per le bellezze naturali e artistiche... ma anche per la cordialità degli abitanti, che sono ospitali, di umore gaio e socievoli ». (C. Vignoli).

este Paesane

Diverse sono le feste paesane nel corso dell',anno. La piu' importante è quella di S. Lorenzo martire, patrono principale del Comune, di cui si conserva nella chiesa di di S.Maria un'ampolla di sangue prodigioso. La sagra patronale, ricorrente il 10 agosto, viene celebrata con solenni festeggiamenti, che richiamano sul posto anche parecchi forestieri, desiderosi di partecipare alle manifestazioni religiose. La sera della vigilia, quando si solito si compie il miracolo della liquefazione, ha luogo una devota e suggestiva processione con la Reliquia del Sangue, che viene portata su di un carro addobbato lungo la via della Circonvallazione, tutta illuminata a festa. Partecipano al corteo le autorità religiose, civili e militari, le associazioni cattoliche, le confraternite e la massa del popolo in preghiera. li giorno della festa nella chiesa collegiata si svolgono servizi liturgici solenni con la partecitazione del Vescovo diocesano e di altre personalità, che vengono a rendere omaggio alla prodigiosa Reliquia del sangue di S. Lorenzo, esposta per tutto il giorno alla pubblica venerazione. A sera un concerto bandistico all'aperto chiude le manifestazioni della giornata. Fra lottava ricorrono altre due feste: l'Assunta, titolare della collegiata, e,S. Rocco, titolare della chiesa omoninia. Esse formano come un'appendice della sagra patronale. Proseguono quindi i festeggiamenti con funzioni liturgiche, servizio bandistico, spettacoli vari e da ultimo i fuochi pirotecnici. Per la circostanza molti concittadini, residenti in patria e all'estero, tornano a rivedere il paese nativo, dove trascorrono le ferie estive insieme con i parenti e gli amici nella gioia delle feste patronali. Altre manifestazioni popolari hanno luogo durante l'anno per lafesta di S. Antonio, di S.Pietro, di S. Sebastiano, di S. Lucia e di Pasquetta. In quest'ultima ricorrenza gran folla di gente dal paese e dalla campagna si reca in pellegrinaggio al Santuario dell'Auricola, per soddisfare al precetto pasquale e scambiarsi il dono dell'amicizia.

ostume ciociaro.

Comunemente col nome di Ciociaria si intende la parte centrosettentrionale della provincia di Frosinone. Il nome trae origine dai calzari, detti « ciòcie », un tempo usati dagli abitanti della regione. Le ciocie facevano parte del tipico costume ciociaro, uno dei più belli del Lazio. Particolarmente dignitoso e sgargiante era il costume festivo delle donne, consistente in: copricapo, camiciotto e scialle di tela bianca ; busto di raso nero, veste (ossia gonna) di panno rosso, sinale (ossia grembiule) multicolore, calze bianche di filo, ciocie con ampie stringhe avvolte ai polpacci, orecchini a pendagli e collana a doppia fila di corallo... Il panno e la tela occorrente per il costume e la biancheria per il corredo della sposa, come lenzuola, mantili e mantelle ecc. venivano prodotti sul posto con telai e altri arnesi a mano. Purtroppo, con l'invadenza della moda cittadina e della grande industria moderna, l'attività locale della filatura e della tessitura oggi è quasi del tutto scomparsa insieme al caratteristico costume ciociaro.

anti popolari.

I canti popolari, veramente originali per il ritmo, la struttura, le parole e il contenuto, si riducono ad alcune filastrocche , nemie , cantilene e stornelli (cfr.Vignoli, l. . pag.85).
Per lo piu' nel passato, erano in uso canzoni del tipo comune a tutta l'Italia centromeridionale . Esiste anche qualche bel canto a soggetto religioso , di autore locale , di buon gusto , fatto pero' in lingua nazionale.
Grande e' comunque la sensibilita' e la passione che il nostro popolo ha sempre nutrito per il canto in genere e sopratutto per quello di carattere sacro, come piu' confacente con il suo sentimento misticoreligioso.

redenze medievali.

La credenza nelle fatture , streghe , fantasmi e simili ciarlatanerie e' un ricordo di tempi ormai andati , quando anche le persone colte ne erano succubi. Da allora la scienza ha fatto molta luce anche in questo campo e la gente , resa piu' matura , si puo' dire ormai scevra da siffatte superstizioni . Neanche i bambini oggi prestano piu' fede a racconti delle fate e dei maghi , ne' hanno paura degli "spiriti e folletti" , ma franchi e disincantati sentenziano "Chesse so cioppe".

econsolo.

E' un'usanza antichissima che si pratica tuttora in occasione della morte di una persona del casato. Allora i congiunti piu' prossimi assumono il lutto, vestendo abiti neri, e si danno da fare per aiutare la famiglia colpita dalla disgrazia, secondo le loro possibilità e le esigenze del caso. Per più giorni di seguito si riuniscono nella casa del defunto, ne piangono la perdita, pregano per la pace della sua anima e ne ricordano le principali virtù. Ciascun nucleo dei parentado poi, a turno, è impegnato a recare giornalmente il desinare necessario per il ristoro dei familiari. A questa usanza di umana e cristiana pietà, intesa a consolare gli afflitti e a provvedere alle loro necessità, si dà appunto il nome di « recónsolo », di evidente origine latina.

asquetta.

Un'altra costumanza in vigore è quella del lunedì di Pasqua, quando tutta la popolazione, dalle campagne e dal paese, si reca di buon ora sull'Auricola con canestri e « utine » ossia involtini, pieni di cibarie, per trascorrere una giornata di sana allegria. Lassù passano la mattinata ai piedi della Vergine del Perpetuo Soccorso, pregando e accostandosi ai SS. Sacramenti. A mezzogiorno poi si spargono, a gruppi, nelle adiacenze, sui prati in fiore o all'ombra degli ulivi, per consumare il pasto e conversare amichevolmente. Allora in un clima di schietta cordialità si invitano gli uni gli altri con lo scambio di auguri, « pigne e ciambelle », si fanno i nuovi « compari e commari » dell'anno, stringendo così vincoli di amicizia, ritenuta sacra e inviolabile.

iere.

Oltre il mercato domenicale, si sogliono tenere nel corso dell'anno due grandi fiere: l'una, detta di S. Lorenzo, il 10 agosto, l'altra, di Sant'Anna, il lunedì seguente la seconda domenica di ottobre. Per la circostanza il paese assume una grande animazione per il concorso di molta gente, venditori e compratori, dalle campagne e dai paesi vicini. Sul grande mercato, che occupa la piazza XI Febbraio, i viali e i prati adiacenti, si contrattano prodotti agricoli e artigianali, bestiame, tessuti, calzature, utensili, commestibili, e altre materie e articoli. Non mancano naturalmente i giocattoli e le giostre per i bambini, che in quei giorni di festa possono finalmente trastullarsi a piacere, come nel fiabesco « paese della cuccagna », tanto da loro sognato.

 

 


Per una corretta visualizzazione si consiglia l'uso di Microsoft Internet Explorer oppure Mozilla Firefox


1999 - 2018 by Fabio Marzi