Amaseno on Line

Il Dialetto di Amaseno
English VersionScegli la lingua preferita
 

ccanto all'idioma nazionale, in ogni regione d'Italia, come altrove, è sempre in vigore un linguaggio particolare, comunemente detto « dialetto » o « vernacolo », che ha il suo fondamento nella diversa origine delle stirpi ivi stanziatesi « ab antico ». Vari elementi, quali il latino (plebeo), il greco, le lingue romanze e germaniche, che si mescolarono ai primitivi linguaggi italici, contribuirono alla formazione dei nostri dialetti, in maggiore o minore proporzione, a seconda delle regioni. Nella regione laziale è naturale che vi abbia avuto maggiore influsso la lingua latina, assorbita piu' facilmente dalle genti locali per ovvie ragioni. Studi di filologia romanza fecero e promossero l'Ascoli, il Monaci, il D'Ovidio ed altri, alla fine del secolo scorso. La scuola del Monaci rivolse le sue indagini particolarmente sui dialetti laziali. Il vernacolo di Amaseno fu fatto oggetto di studio da parte di Carlo Vignoli, (nato a Castro de' Volsci nel 1878 morto a Roma nel 1938), allievo dei Monaci e premiato dall'Accademia dei Lincei per i meriti acquisiti nel campo filologico.

Il Vignoli ci ha dato un lavoro pregevole e interessante, articolato in due volumetti
« Vernacolo » e « Lessico di Amaseno », editi rispettivamente nel 1920 e nel 1926.
 

Ecco come l'autore nella prefazione del primo volume narra la sua paziente fatica: « Per molti estati mi sono recato ogni mattina ad Amaseno; passavo le prime ore presso la Fontana Grande, fingendo di leggere, ma in realtà vi rimanevo per sentire discorrere le donne, che numerose convengono là a lavare e ad attingere acqua; e poiché, se si fosse sospettata la cagione vera della mia presenza, le donne, messe in soggezione, avrebbero fatto scempio del loro dialetto... e dell'italiano, ogni mattina ingoiavo con eroica costanza molti bicchieri d'acqua. Poi entravo in paese, ove fino al mezzogiorno sottoponevo alla prova più aspra la pazienza del Sig. Vittore Cantoni, del farmacista Francesco Polidori e delle sue gentili figliuole... », Con tale eroica costanza il Vignoli è ben riuscito nel suo intento di fissare le caratteristiche del nostro dialetto, prima che questo imbastardisse per evoluzione naturale, lenta, ma irresistibile. Mentre nel primo volumetto l'Autore esamina e codifica il fenomeno fonetico e morfologico della parola, nel secondo invece ha raccolto un elenco cospicuo di voci dialettali, scoprendocene anche il senso e l'origine etimologica. Veniamo cosi' a sapere che, ad esempio:

Caùto viene da cavus = foro; Iterza da dies tertia = ier l'altro ; Abballe da ad vallem = a valle, al basso ; Abbafa' da vafa = soffocare per l'afa ; Abbela' da ad-velare = velare, coprire; Scèrne' da ex-cernere = vedere; Maddemane da magis de mane = stamattina, di buon ora; Lurcio da lurco-are = lurido ; Sfuzza da ex-fuga = diarrea ; Gliotta da guttula, glutta = goccia; Scella da axilla = ascella ; Ruca da eruca = bruco; Jenca da juvenca = giovenca; Adducuella da ad-de-quo-velle = in nessun luogo; Abbacchià da ad-baculum = colpire a colpi di bastone; Appiccià da ad-piceare = bruciare la pece e attecchire ; Assuppecà da sub- plicare = piegare, affondare qualcosa nell'acqua; Assogna da axungia = sugna; Spasa da expansa = piatto largo ; Fiarà da flagrare = avventarsi con ardore o calore (fiara); Croglia da corolla = corona, cercine; Calecara da calcaria = fornace per la calce ; Cunia da cunula = culla ; 'Nsurà da uxor = prender moglie ; 'Nfonne da infundere = bagnare, ecc.

Questi pochi esempi, scelti tra le molte voci e locuzioni raccolte dall'Autore nei suoi due volumetti, bastano da soli a darci una chiara e sufficiente idea del pregevole e interessante lavoro di C.Vignoli. Essi infatti mostrano con evidenza come il latino sia per buona parte a base del dialetto di Amaseno, anche se i vocaboli hanno subito quell'adattamento di suono e di forma, che era più confacente all'indole del primitivo idioma italico della regione volsca.

Considerazioni sulla parola "CIOPPA"

Tratto da: "Il Sangue Miracoloso di S.Lorenzo Martire" di P.Enrico Giannetta - 1964

visualizzazioni

 

 

Per una corretta visualizzazione si consiglia l'uso di Microsoft Internet Explorer oppure Mozilla Firefox


1999 - 2016 by Fabio Marzi